Conservatorio di musica “G. Verdi” di Milano

Ministero dell’Università e della Ricerca
Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica

Il Conservatorio di Milano è il più grande Istituto di formazione musicale in Italia. È stato fondato nel 1808 col nome di "R. Conservatorio di Musica". Il suo primo "Direttore e Censore" è stato Bonifazio Asioli. Vi hanno insegnato e studiato alcuni grandi nomi della storia della musica. Allo stesso tempo il conservatorio di Milano è passato alla storia per non aver ammesso agli studi Giuseppe Verdi, a cui successivamente l'istituto fu intitolato. Con riferimento all’anno academico 2009/2010, risultano iscritti circa 1600 studenti per un corpo docente di n° 241 unità.
Tra le varie strutture didattiche è annoverato anche il Liceo musicale.
Nel conservatorio sono presenti due sale da concerto: la Sala Verdi (detta anche Sala Grande) e la Sala Puccini. Nella prima si tengono quasi esclusivamente concerti, la seconda, più piccola, ha invece numerose funzioni: vi si svolgono concerti di musica da camera, specialmente degli allievi; si tengono gli esami di diploma, ospita le lezioni di esercitazioni orchestrali, vi si svolgono masterclass, riunioni, ecc.
La Sala Verdi è una delle più importanti sale da concerto presenti in Italia. Totalmente distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, è stata riedificata nel dopoguerra. Nel 1997 è stato rinnovato il palcoscenico. La sala è costituita da un'unica lunga platea a gradinate, molto ripida. Ospita ben 1536 posti. L'acustica, studiatissima, è eccellente. Il palcoscenico ha una larghezza massima di 14 metri e una profondità di 8.
La Biblioteca è stata fondata nel 1808 ed è la più ricca fonte italiana per la ricerca storica e scientifica in campo musicale. La Biblioteca dispone attualmente di oltre 500.000 unità bibliografiche, di cui circa 50.000 manoscritti e 30.000 volumi di carattere musicale, nonché circa 400 testate di periodici musicali.
Visite dal 20/09/2010: 103523 - Utenti connessi: 1